Categoria: Aquilotti 2009 2019/2020

Aquilotti 2009: una girandola di emozioni !

Incontro pieno di emozioni nella trasferta degli Aquilotti della BTP 2.0 sul campo del Milano 3 Basiglio. Su uno dei migliori parquet della zona, (n.d.r. a differenza della dirigenza di casa che non si contraddistingue per fair play) si sono scontrate a viso aperto 2 delle migliori squadre del girone e che ha visto la squadra locale (maglia rossa) imporsi per una manciata di punti sul Paullo (maglia nera) . Il Milano 3 si presenta a ranghi serrati a differenza del Paullo con la panchina corta per due indisponibilità.

Dopo 2 minuti del primo periodole squadre sono ancora a canestri inviolati, ma un contropiede di Leonardo sblocca il risultato e da li a breve a canestro anche  Tommaso S. e Tommaso R. che infrangono le speranze dei locali. Da segnalare oltre al punteggio di 4 – 8 a favore del Paullo la buona prestazione di Yassin e l’infortunio di Leonardo, fortunatamente senza conseguenze, su un duro contrasto costretto a ricorrere al ghiaccio, recuperato in ritardo dal refertista con qualche screzio verso il secondo allenatore del Milano 3, che a suo parere non avrebbe dovuto abbandonare il tavolo per medicare l’atleta.

Il secondo periodo conferma la superiorità del Paullo con Francesco che si inventa un canestro all’indietro e che raddoppia poco dopo costringendo gli avversari ad un time out riparatore. Una bella azione difensiva di Lorenzo costringe i locali dopo 3 minuti a zero punti. Diversi errori a canestro di entrambe le parti, riscaldano il palazzetto e le tifoserie si accendono per supportare i propri beniamini. Il periodo si conclude 04 a 06 per il Paullo, con un canestro di Diego mentre Alessandro scongiura un‘incursione pericolosa del Milano 3 che fino al fischio conclusivo non molla.

Inizio amaro del terzo periodo con paio di canestri del Basiglio nei primi 30 secondi che fiaccano gli umori dei Lupacchiotti. Poco convinta la difesa del Paullo non riesce a contrastare le veloci incursioni del Milano 3, quando una bella stoppata di Giulio sotto canestro con veloce ripartenza infiamma la tribuna, ma nonostante gli sforzi di Federico e le indicazioni del coach Antonio nel time out, la BTP 2.0 subisce un 13 a 2.

Al rientro dal riposo il Paullo ha ritrovato lo smalto, la partita si fa vivace, entrambe le squadre esprimono un bel gioco anche se a tratti aggressivo e con qualche fallo di troppo dei locali, non sempre fischiato. Improvvisamente l’allenatrice del Milano 3, che occasionalmente richiamava a voce sostenuta i suoi, si scaglia verbalmente additando il coach Antonio senza motivo, non preparata evidentemente  a sostenere le proprie emozioni. La partita si fà tesa ed un passaggio di Tommaso S. smarca Leonardo che non fallisce l’appuntamento con il canestro stretto tra 2 avversari, precipitatesi in ritardo. Sulla parità di tre canestri per parte a 55 secondi dalla fine Federico intercetta un passaggio e lancia di nuovo Leonardo che però disturbato fallosamente non realizza, finchè a 10 secondi dalla fine il numero 52 del Milano 3 si inventa un canestro decisivo dalla distanza che gela gli  entusiasmi del Paullo e regala il vantaggio  al Basiglio per 8 a 6.

Il quinto periodo si apre con una discesa dei Lupacchiotti arrestata fallosamente e con poca convinzione ai tiri liberi. Si susseguono continui ruba palla, con parecchie imprecisioni da entrambe le squadre, ma il Basiglio non sbaglia al terzo minuto e mezzo portandosi in vantaggio nonostante la palla abbia percorso tutto il perimetro del ferro,  e neanche pochi secondi più tardi con il raddoppio. Ci prova Francesco ad interrompere la serie positiva del Milano 3 ma il risultato si ferma sul 6 a 3 per i padroni di casa.

L’ultimo periodo è l’ultima possibilità per la BTP 2.0 di agguantare il pareggio e l’improbabile vittoria per differenza canestri. Il Paullo appare subito affaticato, ma riesce a tenere il punteggio. Realizzano Diego, Tommaso S. all’appuntamento del 2 su 2 al tiro libero e Giulio sempre su tiro libero, portando il risultato sul 6 a 5 per Milano 3. Ma è di nuovo un canestro dalla distanza, questa volta del numero 20, che rende il parquet del Basiglio di nuovo in salita e lo resterà fino alla fine dell’incontro  concluso a favore dei padroni di casa per 11 a 5.

(Marco Sbaffi)